Blog


Dieci canzoni per San Valentino

Letto 1062 volte Ultima modifica il Martedì, 14 Febbraio 2017 17:42

Premessa necessaria: questo pezzo lo scriviamo oggi, San Valentino, solo per strappare qualche visualizzazione in più e migliorare la nostra indicizzazione. Se siete fra quanti festeggiano il proprio amore perché è San Valentino, spegnete tutto e uscite a comprarvi un tubetto di Baci Perugina.

Gli amori più belli sono quelli che ho dichiarato con un incerto e goffo passo di danza: in cucina, accanto al divano di casa, in un parcheggio.
Per ciascuno mi suonava in testa almeno una di queste canzoni.
Qualsiasi sia la natura dell'amore che oggi la tradizione vi costringe a festeggiare, c'è sempre una canzone nella quale riconoscersi.

1. LA COSTRUZIONE DI UN AMORE – IVANO FOSSATI Nonostante la risaputa vena depressiva del cantautore genovese, se vi ritrovate in questi versi, sappiate che state vivendo una delle forme d'amore più vere in assoluto: l'amore si costruisce giorno dopo giorno, insieme. É una fatica che “mescola il sangue col sudore”, è la cura incessante di “un castello di sabbia in riva al mare”: da proteggere dalle onde e dagli urti della vita, da ricostruire quotidianamente, da guardare con meraviglia e stupore nella sua fragile bellezza.

2. LE COSE IN COMUNE – DANIELE SILVESTRI State vivendo il vostro amore tardo adolescenziale, l'idillio. Godetevelo, perché scoprirete presto che tutti mentono, anche in amore: per amore. Anche voi. E quando a vicenda scoprirete quelle piccole bugie che vi siete detti, ridetene.

3. MI SONO INNAMORATO DI TE – LUIGI TENCO Se oggi il vostro partner vi chiede una cosa del tipo: “Perché sei innamorato di me?” allora è allarme rosso: molto probabilmente è il vostro partner che si sta chiedendo se è innamorato di voi. Niente panico. Se davvero siete così innamorati da non capire che dovreste lasciarlo all'istante, rispondete con il primo verso della canzone di Tenco: “Mi sono innamorato di te perché non avevo niente da fare”. Se il vostro partner è abbastanza intelligente da capire la portata romantica ed esistenziale di questa dichiarazione, il peso della responsabilità di non amarvi lo porterà a lasciarvi seduta stante. Ma state tranquilli: se vi ha posto una domanda così scema, il vostro partner ha probabilmente l'intelligenza emotiva di un anacardo e non farà altro che guardarvi con perplessità. Potrete vivere ancora a lungo il vostro amore nella reciproca ignoranza dei vostri veri sentimenti.

4. LA CASA DEL SERPENTE – IVANO FOSSATI Un pezzo da veri intenditori per un amore da veri coglioni. Scappate. Siete innamorati di una persona che non vi ama perché non conosce altro amore che quello per se stessa. Questa storia vi dissanguerà tanto da non avere più sangue da mandare al cuore per diverso tempo. Non cadete nell'errore per il quale il vostro amore basterà ad entrambi. L'amore è l'unico tra i sentimenti che, per essere vero, vive in due. Scappate ora, non fatevi impietosire dal fatto che oggi è San Valentino. Il vostro lui o la vostra lei non avranno pietà e quando sarà il momento vi ritroverete ad essere stati la parentesi insignificante nella vita di qualcuno. Scappate.

5. 7 E 40 – LUCIO BATTISTI Potrei farci un po' di analisi sociologica un tanto al chilo, tanto tra Occidentali's Karma e la morte di Bauman va di moda. Invece preferisco farvi leggere un paio di righe che meritano davvero, quelle di Italo Calvino in Avventura di un automobilista: “Mi accorgo che correndo verso Y ciò che desidero non è trovare Y al termine della mia corsa: voglio che sia Y a correre verso di me, è questa la risposta di cui ho bisogno, cioè ho bisogno che lei sappia che io sto correndo verso di lei ma nello stesso tempo ho bisogno di sapere che lei sta correndo verso di me”. Per chi sa che l'amore non esiste a senso unico.

6. MI AMI DAVVERO – LUCA CARBONI Perché amare se non per essere se stessi in un mondo che relega il nostro essere a un ruolo sociale? Se vi amate davvero, ditevelo. Anzi, scrivetevelo. Vi troverete ridicoli, perché “l'amore fa ridere” ma non conoscerete una tenerezza più grande verso voi stessi.

7. ALIGHIERI – ROBERTO VECCHIONI “certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano” Scusate, questo è Venditti, mentre qui abbiamo messo sul piatto il Professore. Tra le diverse tipologie di amore non può mancare l'amore finito. In una buona parte di casi, per ragioni troppo diverse da indagare qui, gli amori finiti ritornano. Quel giorno – e che non venga mai quel giorno – avrete tutto il sacrosanto diritto a rivendicare il vostro orgoglio e a farvi uscire, con quanto fiato in gola avete, un sonoro “vaffanculo a tutto”.

8. E TU COME STAI? - CLAUDIO BAGLIONI Dalla regia hanno messo su questo pezzo come a dirci che a volte, agli amori finiti va pure data una chance. Se Elizabeth Bennet e Mr. Darcy non avessero messo da parte l'orgoglio il finale avrebbe assunto tutto un altro senso. Se davvero state vivendo un ritorno in cui “Non è accaduto niente, no/Il tempo non ci ha mai perduto” allora provateci. Ne vale sempre la pena.

9. IL BACIO SULLA BOCCA – IVANO FOSSATI Conquista 3 posizioni su 10, ma qui siamo su un altro pianeta. Tenetevelo stretto questo amore. É quello in cui si fanno le scale su e giù tenendosi l'un l'altro, quello salvifico che “verremo perdonati te lo dico io, da un bacio sulla bocca un giorno o l'altro”. L'amore che non ha paura di se stesso e “inciampa piuttosto che tacere, e domanda piuttosto che aspettare”.

10. PORNO IN TV – STADIO “E non c'è sesso senza amore” ah no questo è di nuovo Venditti, e poi comunque semmai non c'è amore senza sesso per gli Stadio. Abbiamo volato alto finora, tanto che possiamo anche chiudere “spostando l'esistenza un po' più giù del cielo” e dirci, con adulta sincerità: prima ancora di parlarne, l'amore fatelo.


P.S. Per ridere davvero dell'amore e di tutte le sue figure, oggi regalate e leggete assieme Frammenti di un discorso amoroso di Roland Barthes.

AV

Calendario

« Novembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30